LETTERA ALLE DONNE DEL DALAI LAMA

 

Lettera alle donne” (Rizzoli, 2009) è un libro che raccoglie le interviste e i pensieri del Dalai Lama sul ruolo del genere femminile nel “villaggio globale” (l’autorità spirituale del Tibet ha vinto il premio Nobel per la Pace nel 1989). L’autrice è Catherine Barry, una giornalista televisiva francese.
 

“La prossima sarà l’era della donna!”. Il messaggio del Dalai Lama è quindi molto semplice, ma molto arduo da comunicare e da realizzare: “Lasciamo che i valori femminili sboccino nella nostra società affinché cambino la mentalità delle persone. È indispensabile per costruire una pace duratura e per il futuro dell’umanità”. L’altruismo delle donne che ricercano l’armonia con il prossimo e considerano la felicità degli altri come parte integrante della propria, è la via per la trasformazione pacifica delle civiltà umane e il raggiungimento di forme di spiritualità più libere.


 
Per fare questo “l’educazione di un figlio non consiste, come accade in molte società occidentali, nell’insegnargli solamente come essere competitivo, a guadagnare molto denaro, ottenere fama e potere. Perché in questo modo non si fa altro che inculcargli paure, angosce, dubbi e tensioni continue. Educare i figli significa innanzitutto insegnare loro valori etici e morali grazie ai quali manterranno un atteggiamento rispettoso nei confronti dell’altro” (p. 99). Quindi “le madri devono assolutamente insegnare ai figli come lavorare sulla mente e sulle emozioni” (p. 97).
 
Ma è difficile lavorare sulle emozioni, sulla sofferenza e sulla realtà della vita dove vige la legge dell’impermanenza (tutto è instabile e provvisorio), quando le donne spendono cifre incredibili per comprarsi l’illusione dell’eterna giovinezza con creme che al massimo possono rinviare l’invecchiamento di qualche anno (p. 80). 
 
Così l’occidente è affetto “da una forma di egoismo che ci fa perdere di vista quanto la nostra felicità dipenda anche da quella degli altri. Comprenderlo è una delle sfide delle moderne civiltà ma è anche il “segreto” della felicità. Ridimensionare l’egoismo e comprendere che la nostra felicità passa attraverso quella degli altri consente di intervenire sulle nostre sofferenze per placarle. Il buddismo può fornire un importante contributo in materia, ma in fondo si tratta semplicemente di sviluppare le capacità proprie della mente umana: la compassione, l’amore, la calma, il discernimento e la fiducia” (p. 31-32). Inoltre l’adesione a una disciplina buddista non implica l’abbandono del proprio credo di nascita: si può essere cristiani e anche buddisti.
 
Dopotutto il vero messaggio di conoscenza e di pace di Gesù è in sostanza uguale a quello buddista: “Se rimanete fedeli alla mia parola, sarete davvero miei discepoli, conoscerete la verità e la verità vi farà liberi” (Vangelo secondo Giovanni). Questo insegnamento sulla libertà è ben diverso dal culto della gerarchia e del potere che ci vogliono trasmettere i vari rappresentanti di molte religioni e dottrine, fin da quando emettiamo il primo vagito. E il mondo islamico sta sicuramente trascurando l’enorme potenziale intellettuale e morale del mondo femminile.
 
Ancora oggi quasi tutte le donne del pianeta non fanno altro che replicare le logiche culturali del potere maschilista, con gli antiquati sistemi gerarchici e religiosi che sfruttano tutte le energie del genere femminile. Ogni sistema educativo dovrebbe iniziare a trasmettere “ai bambini che ogni discriminazione è fonte di violenza: bisogna insegnare ai bambini che solo la tolleranza, la generosità e il dialogo consentono di risolvere situazioni complesse. Fare distinzioni tra Paesi e religioni, per esempio, oltre a generare incomprensioni e violenza è del tutto inutile. Cultura e tradizioni aiutano le persone a radicarsi e a mantenere un’identità che le rassicura e favorisce l’instaurarsi di relazioni di fiducia con gli altri” (p. 103). 
 
Dunque non è attraverso la competizione, la soddisfazione dei bisogni materiali e l’acquisto di beni che si vincono la sofferenza, i disturbi mentali e le malattie sociali: la cura e la crescita personale si rivela solo “nella spiritualità, intesa sia come dimensione laica sia religiosa” (p. 30).
 

 http://www.agoravox.it/

Annunci

Informazioni su Rossella

Lavoro da tanti anni come logopedista. Per mia natura sono curiosa e ho tantissime passioni. Sono autrice, blogger e mi interesso di benessere olistico. Credo nel Sacro Femminino e in una nuova Società basata su questi princìpi.

Pubblicato il dicembre 21, 2009, in Oriente, Sapienza antica con tag , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 2 commenti.

  1. Non convengo con tutto quello che, qui riportato direttamente o riferito indirettamente, ci dice il Lama.

    Mi pongo fuori dalle religioni, non soltanto fuori dalle chiese.

    Però concordo pienamente sulla necessità di dare ogni spazio possibile alle energie femminili, che troviamo dentro ciascuno di noi, a prescindere dal genere che la natura ci ha assegnato.

    Sostengo che, per avere la prova di quanto sia fallimentare la gestione maschile del pianeta, basta guardarsi intorno.

    Auspico un futuro femminile. Dispero che lo vedrò realizzato. Sogno che possano viverlo altre generazioni, alla cui creazione ho omesso di contribuire.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: