DEMISTIFICAZIONE E DISLESSIA: IMPARARE DALLA DIFFERENZA

 

Ecco cosa è la “demistificazione” (come suggerito da Mel Levine) che, attraverso la discussione aperta con adulti che supportano i bambini dislessici, li aiuta a imparare a chiarire e a specificare le loro differenze e a comprendere che, come ogni altra persona, essi hanno punti di forza e di debolezza. Di seguito alcuni suggerimenti:

Eliminare ogni marchio attraverso un atteggiamento empatico verso i bambini. Enfatizzare il fatto che non c’è da incolpare nessuno e che gli adulti sanno che loro hanno spesso bisogno di lavorare più sodo per leggere bene, che loro imparano in modo differente.


Discutere sulle abilità e gli interessi: aiutare i bambini a trovare i loro punti di forza, usando esempi concreti ed evitare falsi elogi. Per esempio, se un bambino descrive correttamente un film, gli si può dire: “Mi piace il modo in cui puoi ricordare i particolari che mostrano come il film sia divertente”;
Discutere sui punti di debolezza: usare un linguaggio chiaro per spiegare quale aspetto della lettura è difficile per il bambino. Per esempio, si può dirgli: “puoi avere difficoltà a comprendere quello che leggi perché perdi la tua attenzione mentre leggi, ciò fa sì che non afferri i dettagli e perdi il segno”;
Dare importanza all’ottimismo: aiutare i bambini a mettere in risalto le future possibilità di successo date dai loro attuali sforzi. Aiutarli a costruire una sensazione di controllo sul loro apprendimento, incoraggiandoli ad essere responsabili dei propri progressi (es. usare i “Post-it” per ricordare le informazioni più importanti);
Cercare un alleato: aiutare i bambini a trovare una persona di fiducia (insegnante preferito, vicino di casa, adolescente…, ecc.) che ha il compito di lavorare con lui e di supportarlo. Spiegare ai bambini che possono aiutare se stessi condividendo con gli altri il modo in cui essi riescono a imparare meglio;
Proteggere dall’umiliazione: evitare di criticare in pubblico i bambini e proteggerli dall’imbarazzo di fronte ai fratelli e ai compagni di classe. Per esempio, non chiedere al bambino di leggere ad alta voce materiale per lui non familiare.

Tratto dal mio libro Le aquile sono nate per volare. Il genio creativo nei bambini dislessici.

Annunci

Informazioni su Rossella

Lavoro da tanti anni come logopedista. Per mia natura sono curiosa e ho tantissime passioni. Sono autrice, blogger e mi interesso di benessere olistico. Credo nel Sacro Femminino e in una nuova Società basata su questi princìpi.

Pubblicato il giugno 21, 2010, in Dalla parte dei dislessici, Dislessia: strumenti, I miei libri con tag , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

  1. …..del resto niente in più e niente in meno di ciò che andrebbe fatto con qualunque bambino!

    condivido e ti ringrazio per i testi che hai scritto e per qlli consigliati, sono stati di grande aiuto.

    rossella

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: