L’ARIA NELLE SCUOLE E’ MALSANA

L’aria che si respira sui banchi di scuola italiani è decisamente malsana. Lo dice uno studio europeo condotto anche nel nostro paese. La ricerca ha rilevato che dentro le pareti delle scuole le concentrazioni di Pm10 e anidride carbonica sono più elevate che all’esterno.

Le conseguenze sulla salute dei bambini e dei ragazzi sono evidenti: boom di casi di asma e allergie. Ecco perché il ministero della Salute, in accordo con Governo, regioni, comuni e province, ha pubblicato delle linee guida per la tutela e la promozione della salute degli ambienti chiusi.

In Italia, soffre di asma, riniti allergiche ed eczemi il 20 per cento della popolazione. Un numero in continuo aumento, soprattutto nell’infanzia e adolescenza. A scatenare allergie o crisi di asma sono soprattutto fumo, formaldeide, amianto, radon, pesticidi, acari della polvere, muffe, funghi e spore, lattice e alimenti.

Che fare?

– non accumulare libri e giornali,

– limitare la presenza di armadietti,

– appendere i cappotti all’esterno delle aule,

– plastificare i poster e fogli di lavoro da esporre alle pareti,

– non tenere in classe piante ornamentali,

– mantenere una temperatura ambiente intorno ai 18-20°C,

– assicurare una corretta e regolare manutenzione degli impianti di riscaldamento, ventilazione o condizionamento.

Sarà possibile nelle nostre scuola sovraffollate e con locali non sempre adeguati?

Intanto vi segnalo l’uscita del libro: Aria pulita a scuola. Come difendere i nostri figli (e gli Insegnanti) dall’inquinamento dentro le aule.

Il libro spiega come snidare i pericoli presenti nelle scuole e come combatterli: perché respirare aria pulita è un diritto di tutti, a partire dai più piccoli.

http://www.bergamosera.com/

Annunci

Pubblicato il settembre 20, 2011, in Consigli, Società con tag , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 2 commenti.

  1. Ciao,
    vivo da anni questo fenomeno, perche’ insegno in una scuola dell’infanzia e perche’ sono molto sensibile alle allergie e a intolleranze! Ogni inverno mi trovo ad assistere oltretutto ad un grosso consumo, per non dire spreco, di riscaldamento che spesso viene regolato agli inzi della stagione fredda, al massimo e l’aria diventa irrespirabile….. e i bambini si ammalano, di continuo. Nonostante i vari reclami, i fatti continuano ad andare allo stesso modo!!!… E chiaramente tutto si riversa sulla sana convivenza sociale….

    grazie
    M.Rosaria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: