IL LINGUAGGIO SEGRETO DEI NEONATI

Le ultime ricerche ci hanno confermato che il cervello dei neonati è prodigiosamente predisposto per il linguaggio; proprio per questo è importante, però, sapere anche quali siano gli stimoli giusti.

La prima cosa, la più importante, è parlare con il neonato, come spiega Tracy Hogg nel suo libro Il linguaggio segreto dei neonati, come faremmo con bambini più grandi, per spiegare quello che stiamo per fare: “Adesso la mamma ti prende in collo per andare a fare il bagnetto”, “Contiamo fino a tre e poi ti prendo in collo”, “Ci prepariamo per uscire” e così via. Gli studiosi pensano che i bambini siano abituati al suono della voce della mamma fin dal pancione e che serva loro più tempo, dopo la nascita, per riconoscere e scegliere la voce del papà.

Quando la mamma parla ad un bambino piccolissimo gli si rivolge usando un registro particolare, chiamato maternese o babytalk, con una serie di caratteristiche che sembrano facilitare il compito di comprensione del piccolo. Come per magia, le mamme senza saperlo e senza averlo appreso da nessuna parte, adeguano il proprio modo di parlare via via che i bambini crescono – in gran parte guidate da un ascolto attento che riesce a valutare i progressi e le difficoltà. Le ricerche dicono che è giusto adattare il proprio stile alle capacità comunicative dei bambini, facendo attenzione a due cose in più: il babytalk si deve adeguare ai progressi del bambino e non deve restare sempre uguale. Il contesto comunicativo in cui vivono i bambini deve essere ricco e presentare al bambino anche stimoli superiori alle capacità che rivela in quel momento, per aiutarlo a progredire.

E’ stato osservato che anche i papà si rivolgono ai piccoli usando accorgimenti particolari, ma producendo una complessità maggiore di quella del maternese, tanto che è stata formulata l’ipotesi del “ponte”: i papà, secondo questa ipotesi, avrebbero il ruolo di traghettare i piccoli verso un linguaggio più complesso, quello che incontrano fuori di casa.

Gli studi hanno dimostrato che i bambini piccoli, almeno fino ai 9 mesi, preferiscono ascoltare un discorso rivolto a bambini, quindi con le caratteristiche del babytalk, piuttosto che un discorso rivolto ad adulti.

Fonte: Baby Talk

Annunci

Pubblicato il gennaio 21, 2012, in Cervello, Consigli con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: